Pangu, il jailbreak di iOS 7.1.x, brucia due exploit utilizzabili per il jailbreak di iOS 8

Nella serata di ieri è stato rilasciato Pangu, un inaspettato jailbreak untethered per tutti i dispositivi con iOS 7.1 o iOS 7.1.1. Realizzato interamente da un team di hacker cinesi, Pangu è un jailbreak che, purtroppo, brucia due exploit che gli hacker avrebbero potuto conservare e utilizzare per il jailbreak di iOS 8.
Schermata 2014-06-23 alle 18.45.09

Secondo l’hacker iH8sn0w, nota conoscenza degli utenti che eseguono il jailbreak, lo sblocco eseguito con Pangu su iOS 7.1 e su iOS 7.1.1 brucerebbe ben due exploit che gli hacker avrebbero potenzialmente potuto utilizzare per un futuro jailbreak di iOS 8. Chiaramente si tratta di supposizioni degli hacker, dato che Apple avrebbe potuto benissimo correggere queste vulnerabilità prima del rilascio di iOS 8. Adesso, invece, lo faranno sciuramente, bloccando il funzionamento di Pangu già con il probabile iOS 7.1.2 che, sempre secondo iH8sn0w, potrebbe arrivare già venerdì prossimo.
Il rilascio di un jailbreak untethered per iOS 7.1.x è avvenuto a soli tre mesi dal rilascio di iOS 8 che, salvo sorprese, arriverà a settembre. Queste tempistiche di rilascio riaccendono lepolemiche tra hacker e utenti: se da una parte ci sono gli utenti contenti di poter eseguire, finalmente, il jailbreak sui propri dispositivi aggiornati ad iOS 7.1/7.1.1, dall’altra ci sono altre persone che, invece, avrebbero preferito vedere gli exploit utilizzati da Pangu in un jailbreak di iOS 8, senza che questi fossero “bruciati” per un jailbreak comunque “minore”.
Cosa ne pensate? Sarebbe stato meglio aspettare il rilascio di iOS 8 prima di pubblicare questo jailbreak oppure ritenete che il team Pangu abbia agito con giusto tempismo?

Post a Comment

0 Comments